21/12/2014
enit

ESXi 5.x error: esx.problem.syslog.nonpersistent

syslogerror01

Il messaggio esx.problem.syslog.nonpersistent è visualizzato quando il sistema salva i file di log in un nonpersistent storage, ad esempio una chiavetta USB.

Accedendo a vCenter Server tramite il vSphere Client, il messaggio di warning compare selezionando l’host configurato nel datacenter.

syslogerror02

Quando la locazione dei log di sistema non è configurata, il sistema utilizza per default la scratch partition. Se questa è impostata in un nonpersistent storage (chiavetta USB o il folder /tmp), compare il messaggio esx.problem.syslog.nonpersistent.

syslogerror03

Il problema si presenta generalmente se ESXi è installato su una chiavetta USB o SD card. Per risolvere il problema è sufficiente creare nello storage un folder dove andare a salvare i log di sistema.

 

Procedura

Da vCenter Server accedere alla sezione storage tramite Home > Inventory > Datastores and Datastore Clusters, selezionare lo storage su cui si vogliono salvare i log, cliccare col tasto destro del mouse e selezionare la voce Browse Datastore.

syslogerror04

Viene visualizzato il contenuto dello storage.

syslogerror05

Cliccare sull’icona per creare un nuovo folder, assegnare un nome  (LOGS ad esempio) e cliccare su OK.

syslogerror06

Per meglio distinguere i log dei vari ESXi, è consigliabile creare un folder per ogni host configurato.

syslogerror07

Creato il folder sullo storage, bisogna configurare nell’host la locazione corretta dei file di log. Da vCenter Server selezionare la sezione Configuration e cliccare su Software > Advanced Settings.

syslogerror08

Identificare il campo Syslog.global.logDir ed impostare il path corretto della cartella LOGS appena creata sullo storage e cliccare su OK.

[storage]/LOGS

syslogerror09

Una volta confermata la configurazione, il messaggio dall’host selezionato scompare senza la necessità di effettuare il reboot.

syslogerror10

Il sistema è ora nuovamente funzionale. Nei sistemi in produzione è consigliato comunque installare l’ESXi su hard disk interni configurati almeno in RAID1 anzichè su USB (anche se più economico) per evitare, in caso di failure del dispositivo, il blocco dell’host.

firma

About Paolo Valsecchi

Sistemista Informatico | Mi occupo principalmente dell’implementazione e della gestione di servizi informatici basati su piattaforma virtuale VMware vSphere con sistemi Microsoft Windows/Active Directory e Linux (Red Hat, CentOS). VCP5-DCV, PernixPro.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code class="" title="" data-url=""> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong> <pre class="" title="" data-url=""> <span class="" title="" data-url="">