In VMware vCenter il servizio CollectorServerHost.exe utilizza il 100% della CPU

cpu1

Tramite il Windows Task Manager si riscontra che il servizio CollectorServerHost.exe utilizza il 100% della CPU del vCenter rendendo il server molto lento.

Questo servizio fa parte della VMware Guided Consolidation, un’opzione inclusa nell’installazione di vCenter Server.

cpu2

 

Soluzione

Se questa feature non è richiesta nel business svolto e senza dover rimuovere il servizio che potrebbe ritornare utile un domani, il sistema viene configurato per disabilitare questa opzione. Tramite Notepad, editare il file vpxd.cfg situato in Windows 2008 R2 in C:\ProgramData\VMware\VMware VirtualCenter\ (in Windows 2003 si trova in  %ALLUSERPROFILE%\Application Data\VMware\VMware VirtualCenter\).

cpu3

Identificare la sezione <config> e aggiungere le istruzioni qui riportate e salvare il file.

cpu4

Da Start –> Administrative Tools –> Services, riavviare il servizio VMware VirtualCenter Server.

cpu5

Il servizio viene riavviato insieme al servizio collegato VMware VirtualCenter Management Webservices.

cpu6

Tramite Windows Task Manager verificare nuovamente il carico della CPU.

cpu7

Dopo la modifica i valori di utilizzo della CPU rientrano nella normalità risolvendo così il problema. Per riabilitare il servizio è sufficiente rimuovere le righe precedentemente inserite nel file vpxd.cfg e riavviare il servizio VMware VirtualCenter Server.