VMware vSphere 6.5 annunciata

vsphere65announced01

Durante l’ultimo VMworld Europe VMware ha annunciato vSphere 6.5, l’ultima versione della sua piattaforma di virtualizzazione leader del mercato.

La nuova release introduce il Virtual Hardware v13 e le VM supportano ora fino a 6 TB di memoria. L’UEFI secure boot per gli OS guest in aggiunta ad una gestione semplificata, rinforzano la piattaforma VMware portando alcuni grossi miglioramenti nelle seguenti aree:

  • vCenter Server
  • vSphere Client
  • Sicurezza

 

vCenter Server

La vCenter Server Appliance introduce diverse nuove funzionalità con un look più moderno ed accattivante. Linux e Mac sono ora piattaforme supportate oltre a Microsoft Windows. La nuova vCenter Server Appliance introduce nuove migliorie come:

  • Migrazione
  • Migliore gestione dell’Appliance
  • VMware Update Manager
  • High Availability nativa
  • Backup / Restore integrati

 

Migrazione

Migrare il vCenter Server Appliance non è ora più un problema poichè l’installer ha un Tool di Migrazione integrato che permette una più granulare selezione dei dati da migrare:

  • Configurazione
  • Configurazione, eventi e task
  • Configurazione, eventi, task e misurazione delle performance

vsphere65announced02

Rispetto alla versione predente, sono state aggiunt le voci di MigrateRestore migliorando notevolmente le funzioni dell’Installer.

 

VMware Update Manager

VMware Update Manager (VUM) è stato pienamente integrato nella vCenter Server Appliance. Non è più richiesto avere un server Windows separato per VUM.

Durante il processo di migrazione la configurazione del vCenter, l’inventory e i dati degli allarmi sono migrati per default.

 

Migliorata la gestione dell’Appliance

La nuova release porta delle migliorate funzionalità nella gestione dell’appliance. La GUI ora visualizza le statistiche della rete e del database, dello spazio disco e dello stato globale del sistema in aggiunta alle statistiche della CPU e della memoria che riducono la dipendenza nell’utilizzare la command line interface per semplici operazioni di monitoring e funzioni operative.

vsphere65announced03

 

vCenter Server High Availability

vCenter Server 6.5 ha una nuova soluzione nativa di high availability che consiste nei nodi Attivo, Passivo e Witness che vengono clonati dal vCenter Server esistente. Il failover del cluster HA di vCenter può verificarsi quando viene perso un nodo intero (host failure ad esempio) o quando certi servizi chiave falliscono.

vsphere65announced04

 

Backup e Restore

E’ ora possibile effettuare il backup e restore del vCenter Server 6.5 tramite la sua funzionalità integrata pronta all’uso di backup e restore abilitando gli amministratori alla protezione delle appliance vCenter Server e Platform Services direttamente dalla VAMI o API ed anche effettuando il backup di VUM e dell’Auto Deploy in esecuzione incorporati nell’appliance.

 

vSphere Web Client

La versione 6.5 è ancora basata sulla piattaforma Adobe Flex e richiede Adobe Flash per l’utilizzo. Le migliorie più significanti introdotte nella nuova release sono le seguenti:

  • L’Inventory tree è ora la vista di default
  • Riorganizzata la schermata Home
  • Rinominata la sezione Manage in Configure
  • Rimossa la sezione Related Objects
  • Migliorate le prestazioni, refresh live per gli stati di power, task e altro

vsphere65announced05

 

vSphere Client

E’ disponibile una versione pienamente supportata di vSphere Client HTML5-based con funzionalità limitate che vengono eseguite insieme al vSphere Web Client. Il vSphere Client è raggiungibile via http://<vcenter_fqdn>/ui.

Alcuni benefici del nuovo vSphere Client:

  • UI chiaro, consistente costruito sui nuovi standard di Chiarezza della UI di VMware
  • Implementato in HTML5 per renderlo un’applicazione cross-browser e cross-platform
  • Nessun plugin del browser da installare/gestire
  • Integrato in vCenter Server per 6.5 e pienamente supportato
  • Enhanced Linked Mode pienamente supportato

vsphere65announced06

 

Sicurezza migliorata

Con la nuova release 6.5 è ora possibile criptare le VM in modo da proteggerle contro accessi ai dati non autorizzati. Inoltre anche vMotion è ora criptato aumentando la sicurezza dei dati in posizione statica e i dati in movimento.

La Secure Boot è un’altra funzione implementata in questa release che previene il caricamento di componenti non autorizzati durante lo startup. Protegge sia l’hypervisor sia il guest operating system.

La migliorata funzionalità di Audit-Quality Logging permette all’IT una migliore visione su chi ha fatto che cosa, quando e dove all’interno del sistema vSphere.

vsphere65announced07

vSphere 6.5 porta nuove funzioni al datacenter che confermano la continua evoluzione di vSphere e consolidando la leadership di VMware nel mercato della virtualizzazione.

signature

Leave a Reply