Web
Analytics Made Easy - StatCounter

Sostituire un host danneggiato nel cluster vSAN

replace-failed-host-vsan-cluster-01

Quando un host ESXi membro del cluster vSAN si danneggia per qualsiasi motivo, è opportuno sostituirlo il prima possibile per evitare perdita di dati.

Può capitare che un host si danneggi o che l'installazione dell'ESXi si corrompa con il risultato di interrompere i servizi forniti. Se il cluster vSAN ha un buon design, i dati salvati nello storage vSAN sono ancora accessibili anche se un host si danneggia, ma l'integrità dei dati e la disponibilità non può essere garantita se anche un secondo host accusa dei problemi.

L'hardware danneggiato deve essere sostituito e l'ESXi reinstallato celermente lasciando possibilmente i dischi utilizzati nello storage vSAN inalterati (naturalmente se il disco non è il componente danneggiato) per preservare la struttura logica.

 

Sostituire un host danneggiato

Una volta che l'hardware danneggiato è stato sostituito o l'ESXi è stato reinstallato, accendere l'host. Selezionare il cluster vSAN e posizionarsi nella sezione Monitor > vSAN per verificare l'health status del vSAN. Lo State dell'host sostituito dovrebbe essere indicato come Abnormal se una nuova installazione è stata fatta per ripristinare la funzionalità dell'host. Piuttosto evidente che qualche problema si sta verificando nel cluster vSAN.

replace-failed-host-vsan-cluster-02

 

Verificare lo stato del cluster vSAN

Per capire cosa sta accadendo all'host sostituito, è necessario operare a livello di host verificando lo stato del cluster utilizzando i comandi esxcli. Abilitare il servizio SSH nell'ESXi sostituito e logarsi con le credenziali di root.

Dalla console eseguire il seguente comando per ottenere informazioni del cluster vSAN:

# esxcli vsan cluster get

replace-failed-host-vsan-cluster-03

Come previsto, il nuovo host non è membro di nessun cluster vSAN perchè la procedura di reinstallazione ha eliminato la configurazione. Se un backup aggiornato della configurazione dell'host è disponibile, è possibile risparmiare tempo nel processo di ripristino della configurazione.

 

Join dell'host sostituito al cluster vSAN

Per effettuare il join dell'host al cluster vSAN, è necessario conoscere il corretto UUID in uso. Effettuare una connessione SSH in un ESXi operativo membro del cluster vSAN per recuperare l'UUID ed eseguire il seguente comando esxcli:

# esxcli vsan cluster get

replace-failed-host-vsan-cluster-04

Quando il numero dell'UUID è stato identificato, annotare il numero (o semplicemente copiarlo) e riaccedere alla console dell'host sostituito. Per effettuare il join del nuovo host al cluster vSAN, eseguire il comando dalla console dell'host sostituito:

# esxcli vsan cluster join -u <UUID>

dove l'UUID è il numero precedentemente annotato.

replace-failed-host-vsan-cluster-05

Quando il processo è stato completato, eseguire il seguente comando nuovamente per ottenere le info del cluster vSAN:

# esxcli vsan cluster get

replace-failed-host-vsan-cluster-06

Il nuovo host ESXi è ora un membro del cluster vSAN.

Dal vSphere Web Client, selezionare il cluster vSAN e posizionarsi nella sezione Monitor > vSAN. Cliccare sul bottone Retest per verificare l'health status.

replace-failed-host-vsan-cluster-07

Sono ancora indicati alcuni errori relativi alla disponibilità dei dati. Per risolvere il problema, cliccare sul bottone Repair Objects Immediately.

replace-failed-host-vsan-cluster-08

Lo stato di Health ora risulta ottimale e il datastore vSAN sta funzionando correttamente.

replace-failed-host-vsan-cluster-09

Nell'area Datastores, lo Status del vSAN è indicato come Normal.

replace-failed-host-vsan-cluster-10

Assicurarsi di avere un design robusto del proprio cluster vSAN e una buona strategia di backup operativa per evitare potenziali perdite di dati nel caso il vSAN non possa essere ripristinato.

signature

3 Comments

  1. Diego Bardella 04/10/2018
    • Paolo Valsecchi 04/10/2018
  2. Diego Bardella 05/10/2018

Leave a Reply